La Balanced Scorecard, scheda di valutazione bilanciata

Bilancia per scheda di valutazione bilanciataLa Balanced Scorecard o scheda di valutazione bilanciata rappresenta uno strumento del controllo di gestione, in grado di tradurre la strategia aziendale in un “cruscotto” contenente una serie di indicatori di performance che permettono di monitorare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

Partendo dal principio che “non si può gestire ciò che non si può misurare”, il sistema di controllo di gestione e più nello specifico la Balanced Scorecard consentono la misurazione della strategia, legando quest’ultima alle attività che porteranno al conseguimento degli obiettivi prefissati.

A differenza dei tradizionali sistemi di misurazione, la scheda di valutazione bilanciata amplia l’ambito dell’analisi e dell’interpretazione dei risultati raggiunti, non limitandosi solo al breve termine o agli aspetti strettamente economico-finanziari.

In quest’ottica, i limiti dei sistemi tradizionali rispetto alla Balanced Scorecard si possono sintetizzare nei seguenti:

  • mancanza di considerazione degli elementi intangibili, come possono essere le conoscenze delle persone, le relazioni con clienti e fornitori, la qualità della produzione;
  • orientamento di breve periodo, con conseguente limitazione della capacità di creare valore nel lungo termine;
  • difficoltà nel trasmettere e comunicare la strategia aziendale a tutta l’organizzazione.

Caratteristiche della Balanced Scorecard

Diversamente da altri modelli più classici, la scheda di valutazione bilanciata per poter garantire una misurazione più globale della realtà economica, si basa fondamentalmente su quattro prospettive principali:

  1. la prospettiva economico-finanziaria;
  2. la prospettiva dei clienti;
  3. la prospettiva dei processi interni;
  4. la prospettiva dell’apprendimento e della crescita.

Tali parametri permettono di raggiungere un equilibrio tra:

  • obiettivi a breve, medio e lungo termine;
  • indicatori diretti a monitorare il valore creato per stakeholder esterni e indicatori atti a misurare dinamiche interne dell’azienda;
  • risultati desiderati e fattori che hanno determinato questi risultati;
  • misure prettamente oggettive e misure interpretabili in maniera soggettiva.

Ovviamente la flessibilità del sistema di controllo di gestione consente al management di introdurre anche altre prospettive di misurazione qualora ciò sia funzionale ad una migliore descrizione della strategia.

A livello operativo, per ciascuna delle quattro prospettive suddette vengono considerati:

  1. gli obiettivi strategici da raggiungere;
  2. gli indicatori per misurare la strategia;
  3. i valori quantitativi da raggiungere;
  4. le iniziative da mettere in atto per conseguire gli obiettivi.

Schema Balanced Scorecard

Prospettiva economico-finanziaria

Per la prospettiva economico finanziaria è necessario individuare gli obiettivi e gli indicatori che permettono di monitorare la soddisfazione degli azionisti aziendali. Gli obiettivi economico-finanziari possono essere legati alla redditività e quindi misurati per esempio dal reddito operativo, dalla redditività degli investimenti o dal risultato lordo industriale.

Prospettiva dei clienti

Per la prospettiva dei clienti occorre definire gli obiettivi e gli indicatori in grado di controllare il livello di soddisfazione della clientela. Il raggiungimento di un determinato obiettivo di percezione da parte del cliente della capacità dell’azienda di aggiungere valore, può essere monitorato attraverso il rispetto dei tempi di consegna, la riduzione del tasso di difettosità dei prodotti o la diminuzione dei reclami.

Prospettiva dei processi interni

Con la prospettiva dei processi interni il management intende monitorare se l’impresa è in grado di sviluppare nuovi processi produttivi. L’obiettivo di migliorare i processi critici può essere misurato con indicatori quali il tempo di immissione di nuovi prodotti sul mercato o il rapporto tra vendite di nuovi prodotti e spese in ricerca e sviluppo.

Prospettiva dell’apprendimento e della crescita

Con la prospettiva dell’apprendimento e della crescita la direzione aziendale focalizza l’attenzione sul controllo degli asset intangibili (capitale umano, capitale informativo e capitale organizzativo). Gli obiettivi dell’apprendimento e della crescita possono essere diretti al capitale umano e quindi misurati mediante il grado di soddisfazione dei dipendenti o le ore di formazione.

Vantaggi della scheda di valutazione bilanciata

L’adozione della Balanced Scorecard facilita ai manager il monitoraggio della capacità di creare valore per i clienti da parte delle singole unità aziendali, nonché permette loro di valutare la validità della strategia e, qualora si ravvisino delle criticità, poter mettere in atto tempestivamente le opportune azioni correttive.

La struttura e i principi realizzativi della scheda di valutazione bilanciata sono tali da favorire la diffusione e la comprensione della strategia aziendale a tutti i livelli dell’organizzazione, rendendo consapevoli anche i dipendenti operativi di quali possano essere le conseguenze delle loro decisioni.

Potrebbero interessarti anche...