Nuova Legge Sabatini, novità su fondi e tempi

Un euro per Nuova Legge SabatiniNovità per la Nuova Legge Sabatini in materia di fondi e tempi, apportate con il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, firmato di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze PierCarlo Padoan, provvedimento prossimo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Le modifiche alla Nuova Legge Sabatini prevedono che i contributi a favore delle piccole e medie imprese che acquistano beni strumentali, possano essere concessi anche a fronte di finanziamenti erogati dalle banche e dalle società di leasing, a valere su una provvista diversa dall’apposito plafond della Cassa Depositi e Prestiti.

Sarà onere delle banche e delle società di leasing che utilizzeranno la doppia provvista, informare le aziende clienti, le quali potranno scegliere la tipologia di finanziamento più vantaggiosa.

Le nuove norme intervengono anche sulle tempistiche e sull’aspetto burocratico, riducendo i tempi di concessione dei contributi, semplificando le procedure e la documentazione da presentare.

Di seguito alcuni punti del decreto in oggetto.

Beneficiari

Destinatarie delle agevolazioni sono le PMI che alla data di presentazione della domanda:

  1. sono regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese ovvero nel Registro delle Imprese di pesca;
  2. sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  3. non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
  4. non si trovano in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà così come individuata nel regolamento GBER;
  5. hanno una sede operativa in Italia.

Non sono ammesse alle agevolazioni le imprese che operano nel settore delle attività finanziarie e assicurative (sezione K della classificazione delle attività economiche ATECO 2007).

Investimenti ammissibili

La Nuova Legge Sabatini prevede che il finanziamento debba essere interamente utilizzato per l’acquisto, o l’acquisizione in caso di leasing, di macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature nuovi di fabbrica a uso produttivo e hardware, classificabili nell’attivo dello Stato Patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4 dell’articolo 2424 c.c., nonché di software e tecnologie digitali.

Gli investimenti ammissibili hanno come finalità:

  • la creazione di un nuovo stabilimento;
  • l’ampliamento di uno stabilimento esistente;
  • la diversificazione della produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi;
  • la trasformazione radicale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;
  • l’acquisizione di attivi di uno stabilimento, se sono soddisfatte le seguenti condizioni:
  1. lo stabilimento è stato chiuso o sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquistato;
  2. gli attivi vengono acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente;
  3. l’operazione avviene a condizioni di mercato.

Caratteristiche del finanziamento

Il contributo previsto con la Nuova Legge Sabatini viene concesso a fronte di un finanziamento:

  • deliberato a copertura degli investimenti ammissibili di cui al punto precedente;
  • deliberato da una banca o da un intermediario finanziario;
  • di durata massima, comprensiva di un periodo di preammortamento o di prelocazione non superiore a 12 mesi, di 5 anni;
  • deliberato per un valore non inferiore a € 20.000,00 e non superiore a € 2.000.000,00;
  • erogato in un’unica soluzione, entro 30 giorni dalla stipula del contratto di finanziamento ovvero, nel caso di leasing finanziario, entro 30 giorni dalla data di consegna del bene;

Il finanziamento può coprire fino al 100% degli investimenti ammissibili.

Il finanziamento è concesso, entro il 31 dicembre 2016, dalla banca o dall’intermediario finanziario a valere sul plafond di provvista costituito presso la gestione separata della Cassa Depositi e Prestiti, ovvero a valere su diversa provvista.

Contributi

La Nuova Legge Sabatini riconosce un’agevolazione nella forma di un contributo pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento al tasso d’interesse del 2,75%, della durata di 5 anni e di importo equivalente al predetto finanziamento.

Domande

Una successiva circolare ministeriale stabilirà la data a partire dalla quale verranno applicate le nuove procedure.

Potrebbero interessarti anche...