CARDO - AZIENDA ATTIVA

Aziendattiva
Vai ai contenuti

Menu principale:

CARDO

CARDO MARIANO
      SILYBUM MARIANUM (L.) – FAMIGLIA ASTERACEE

È diffuso in tutte le regioni del Mediterraneo dal livello del mare fino alla zona submontana. Più raro al nord, diventa più frequente passando al centro, al sud e nelle isole fino a diventare invadente. Si rinviene nei ruderi, lungo le strade, negli incolti.
È una pianta con portamento vigoroso, che nel primo anno forma una rosetta basale di foglie e nel secondo anno lo scapo fiorale alto fino ad oltre 150 cm. L’intera pianta è glabra e spinosa. Lo scapo è robusto, striato e ramificato, con rami eretti. La radice è robusta e fittonante, capace di dissodare naturalmente i terreni compatti

FOGLIE
Motrano margine ondulato e sinuato-lobato, lobi triangolari terminanti con robuste spine. La lamina è verde glauchescente, glabra, fittamente macchiata di bianco. Le foglie basali sono picciolate e possono raggiungere i 40 cm di lunghezza, quelle dello scapo sono sessili, più piccole e meno divise, espanse alla base in due orecchiette.

FIORI E FRUTTI
Sono ermafroditi, con corolla tubulosa di colore rosso-purpureo. Sono riuniti in grandi capolini terminali di forma globosa, rivestiti da robuste brattee. La fioritura ha luogo in piena primavera, da aprile a maggio del secondo anno.
I frutti sono follicoli oblunghi, più stretti alla base e compressi lateralmente, maturano in piena estate e in seguito all’apertura dei capolini vengono disseminati dal vento.

USI
Usato fin dall’Alto Medioevo, il cardo mariano entra in tutti gli erbari come rimedio per le fitte al cuore e all’addome, contro le emorragie e i crampi infantili. Il suo regno è però quello dei disturbi epatici, grazie a un componente attivo, la silimarina, che stimola il rinnovamento dei tessuti del fegato e si dimostra efficacissima negli avvelenamenti acuti causati dai funghi velenosi. Il suo effetto rigenerante sul fegato rende il cardo mariano prezioso in questo mese oscuro, così faticoso per l’organismo.

PIANTA CARDO
Torna ai contenuti | Torna al menu